Disclaimer * Note Legali

Thursday, March 27, 2014

FOTD Mac Sketch & Trax






Essence eyeshadow primer
Mac Powersurge eyeliner as a base
MAC Trax over Powersurge
MAC Sketch in the outer corner and lowerlashline
Illamasqua Vernau in the crease
Illamasqua Stealth in the inner corner and brow bone
MAC Brow Set in Beguille

Tuesday, March 25, 2014

FOTD Mac Humid eyeshadow

Please, excuse the cellphone quality pictures: they were taken fast before going out, and at my brother's. We all know what it is like to try and take pictures for our blogs when men are around.

Scusate per la qualità delle foto fatte col cellulare: son state fatte di fretta prima di uscire e a casa di mio fratello. Sappiamo tutte com'è cercare di far foto per i blog quando ci sono gli uomini.





EYES:

MAC Humid inner and outer corner, and lower lashline
MAC Patina in the middle of the lid
MAC Folie in the crease
MAC Vanilla pigment inner corner and brow bone
MAC Powersurge eye pencil on the lower rim
MAC Brow set in Beguille
Bourjois Fan-tastic mascara


Wednesday, March 19, 2014

Review: MAC Pro Longwear Concealer

Being the girl with super high cheek bones that I am, I always have a problem with fine lines under my eyes, hence with under-eye concealers. 
That little problem is called fine lines. Yes, I want to blame that problem to my facial bones structure rather than to the fact that I turned 30 this year, but I think it is the truth - given that I've had the same problem in ages, and I had always had a love/hate relationship with concealers before I met MAC Pro Longwear. See, I need to conceal those dark circles that glasses adorn my eyes with, but everything I had tried before this particular concealer - no matter how good and long-lasting it was - has always left me looking like Mr. De Martino from Daria in 4 or 5 hours tops.

Remember him? The series was hilarious.
Last year, I gave in and bought the famous MAC Pro Longwear concealer (my shade is NC30) and I have never used anything else ever since.
This concealer covers darks circles, discolorations, spots (and it is a liquid concealer so it does not cake up on big spots) with a longwearing and flawless finish. I would also say it looks as natural as it gets for a high-coverage concealer.
It lasts at least 12 hours and does not fill into your fine lines at all. It is an awesome time, and I had never come across something like this before.
It is very easy to apply and blend, although it is a bit drying so if you have dry skin already, try and put some highlighting concealer thing-y over it. 
My only gripe with this fantastic product is its packaging: it comes in a glass tube (Nay! Not good for the clumpsy-handed gals!) with an evil pump. The damn thing is so hard you push it too much and it goes out of control, dispensing way too much product (enough to cover your whole face!). Considering that you really need a teeny-tiny bit of product to cover your circles, this is hell. 

Apart from this detail that I hope MAC will take into consideration (I am not the only one who complains about it), I love this concealer and I will not use anything else anymore. In the picture below, you see how much is left after over 1 year of religious usage, so it definitely is worth the splurge!

MAC Pro Longwear Concealer retails for € 18.50 (in France - mind you, prices vary depending on the country) on MAC counters or your country's MAC cosmetics website.
[For reference, a concealer from L'Oréal costs around € 11, so put two and two together...]


Da ragazza con gli zigomi alti quale sono, ho da sempre il problema delle rughette di espressione sotto gli occhi, e di conseguenza ho problemi anche a trovare il giusto correttore copriocchiaie. 
Chiaramente voglio attribuire questo problema alla struttura del mio viso, e non al fatto che quest'anno abbia compiuto 30 anni (inserisci qui lacrimucce varie). Penso, però, che sia la verità visto che questo problema l'ho da sempre e da sempre ho una relazione di amore e odio con i correttori. Questo prima di incontrare il MAC Pro Longwear. In effetti ho bisogno di coprire le occhiaie con le quali i miei occhiali da vista adornano i miei occhietti, ma tutti i prodotti che ho provato prima di questo particolare correttore, non importa quanto buoni o duraturi fossero, mi facevano sembrare il Prof. De Martino di Daria (lo trovate nella prima foto, ve lo ricordate?) in 4 o 5 ore massimo. 

L'anno scorso ho ceduto ed ho comprato il famoso correttore MAC Pro Longwear (il mio colore è NC30) e da allora non ho più usato nient'altro. 
Questo correttore copre le occhiaie, discromie varie e brufoli (e visto che è liquido non fa pastoni sui brufoloni cistosi e dell'acne), dura tantissimo e ha un finish perfetto. Direi anche che è quanto di più naturale si possa ottenere con un correttore così coprente. 
Dura almeno 12 ore e non si infila per niente nelle rughette e nelle linee di espressione. E' davvero tantissimo e non avevo mai trovato niente di simile prima d'ora. 
Si applica e si sfuma molto bene, anche se secca un po' perciò se avete la pelle già secca, provate a mettere uno di quei correttori illuminanti sopra. 
L'unico rimprovero che faccio a questo prodotto fantastico è la confezione, che si presenta come una boccetta di plastica (non adatta alle persone maldestre) con un erogatore a dir poco demoniaco. Quell'affare è durissimo e si finisce sempre per premere troppo e perderne il controllo, facendo uscire davvero troppo prodotto (abbastanza per applicarlo sull'intero viso). 
Considerando che ne occorre davvero una quantità minuscola per coprire le occhiaie, è una nota davvero negativa.

 A parte questo dettaglio che spero MAC prenda in considerazione (visto che non sono l'unica persona che se ne lamenta), adoro questo correttore e ormai uso e userò soltanto lui. Nella foto più in alto, potete vedere quanto ne rimanga dopo 1 anno di uso quotidiano, dunque credo che sia decisamente un prodotto sul quale valga la pena investire.

Il correttore Pro Longwear di MAC costa € 19.10 (in Italia, ma i prezzi variano a seconda dei Paesi) in tutti i negozi e counter MAC delle vostre città o sul sito MAC cosmetics. 
 [giusto per farsi due conti, un correttore L'Oréal costa € 11, dunque se fate due calcoli conviene il MAC]


Have you tried this product? What do you think about it? 
Do you know anything else that is quite like it, but less expensive? 

Avete provato questo prodotto? Cosa ne pensate?
Conoscete qualcos'altro che sia uguale a questo, ma meno costoso? 

Monday, March 17, 2014

Review: Prodigieux le parfum by Nuxe

I have expressed my love for Nuxe several times in the past (just click here, and you'll read), especially when talking about their Huile Prodigieux, which is one of my summer staples (and a great hair mask too, all year round). So, just imagine my happiness when I learnt that they made a perfume version of their oil.

Serge Majoullier was called in to make this perfume fabulous, girly, bewitching, with head notes of bergamot, mandarin, and orange flowers, a heart of roses, gardenias, and magnolias, and finally vanilla and coconut milk.
Needless to say, this has rapidly become one of my favorite perfumes of all times for its perfect blend of flowery and fruity scents, which is never overwhelming. Although I think it is more of a spring/summer scent (a little detail which I find the packaging reflects well), I do not really mind warming up these cold winter days with two sprays. And it being an eau de parfum, you can rest assured it will stay all day.
Thumbs up, and much love, Nuxe! 


Ho espresso il mio amore per Nuxe diverse volte in passato (cliccate qui e leggerete) specialmente parlando del loro Olio Prodigioso, che è uno degli immancabili nella mia routine estiva (oltre ad essere una buonissima maschera capillare per tutto l'anno). Perciò, immaginate l'incontenibile felicità nello scoprire che hanno fatto un profumo dell'olio.

Serge Majoullier è il naso dietro questo profumo favoloso, femminile, capace di stregare con le sue note di testa di bergamotto, mandarino e fiori d'arancio; il cuore di rose, gardenie e magnolie, e le note di fondo che oscillano tra vaniglia e latte di cocco.
Va da sé che questo profumo è diventato in men che non si dica uno dei miei preferiti di sempre, per via del perfetto mix tra profumi floreali e fruttati che non resta mai troppo pesante. Nonostante ritenga che sia più un profumo da primavera/estate (un dettaglio che trovo venga riportato piuttosto bene nel packaging), non disdegno il senso di calore che esso da ai giorni invernali con sole due erogazioni. E visto che è un eau de parfum, potete star sicure che rimarrà tutto il giorno.

Pollice su e tanto amore per Nuxe!

Monday, February 24, 2014

L'Oréal Paris Nude Magique Eau de Teint

The latest foundation offering from L'Oréal Paris had everyone in Europe hooked last fall. Consequent to the anticipation generated by all the American youtubers' blurbs, we all couldn't wait to try this revolutionary potion that is lighter than water, with good coverage, matte and erases pores. 

Eau de Teint is an extremely liquid foundation that comes in a sleek, transparent, matte bottle. The packaging is an obvious reflection of the foundation's finish, and I have to give L'Oréal a thumbs up for it. Only thing is, it only contains 20 ml of foundation, contrary to the standards for this kind of product, which is 30. 
The bottle does not have a pump, and although this is clearly due to the running consistency of the fluid, I still think that they should have kept the hole way smaller: every time I use Eau de Teint, I get stains everywhere.

 The foundation itself glides on perfectly and has a true matte finish...something that is similar to porcelain or powder. It has a pore-shrinking effect too, which is something I generally am very concerned with. However, all of this comes for a price: Eau de Teint is a true silicones' soup.
I thought it could be my everyday foundation, but as I have an acne-prone skin, I am not sure if I should wear this often. 
The coverage is poor, but that is not surprising, as it is supposed to be a light foundation anyway. I layer it, but I always have to put concealer on my blemishes.

Now when I bought it, I thought this foundation was great, now I am not sure anymore. It could be because my skin has changed because of the acne treatments, it could also be because I live in a much colder and dry climate now, so my skin is not that oily anymore, but I don't see it as the great foundation I thought it was anymore. 
Obviously, if you don't have any blemish problem, you can rest assured this will make you look like a porcelain doll, and I still think you should give it a try when you find it on offer.
 
Overall, I still have mixed feelings about it, and I think it is something I will have a love and hate relationship with. I'll keep you posted on my Facebook page. In the meantime, I'd really like to hear your opinion on this foundation, if you've tried it. 
 ***EDIT: IF YOU HAVE AN ACNE PRONE SKIN, I DISCOURAGE YOU TO TRY THIS FOUNDATION. SOME DAYS AFTER I POSTED MY REVIEW, DUE TO CONTINUE USAGE, I HAD A HORRIBLE BREAKOUT***

L'ultimo arrivato nella gamma dei fondotinta in casa L'Oréal Paris ci ha fatte sognare tutte. Dopo tutta la pubblicità generata dalle youtubers americane, non vedevamo l'ora di provare questa pozione rivoluzionaria, più leggera dell'acqua, con una buona coprenza, matte, e che cancella i pori. 

Eau de Teint è un fondotinta estremamente liquido che viene venduto in una bella bottiglia di vetro trasparente e opaca, molto elegante, che riflette il finish del fondotinta. I miei complimenti per questo packaging, anche se la sua pecca è quella di contenere 20 ml di fondotinta, contrariamente allo standard di questo tipo di prodotto, che ne contiene solitamente 30. 
La confezione non ha erogatore, e anche se ciò è dovuto chiaramente alla consistenza del prodotto, penso che avrebbero dovuto mantenere un foro più piccolo: ogni volta che uso Eau de Teint, macchio dappertutto. 


Il fondotinta di per sé stesso si stende bene e ha un finish davvero matte...qualcosa di simile alla porcellana o alla cipria. Diminuisce anche la visibilità dei pori, il che mi preoccupa sempre molto. Tuttavia, per tutte queste belle cose c'è un prezzo da pagare: Eau de Teint è un condensato di siliconi. 
Credevo di aver trovato il mio fondo dat tutti i giorni, ma datosi che ho la pelle molto prone all'acne non credo di poterlo indossare spesso. 

La coprenza è minima, ma questo non dovrebbe sorprendere visto che è un fondotinta leggero. Lo si può stratificare, ma personalmente devo comunque portare del correttore sui brufoli.
Quando lo comprai, pensavo che questo fondotinta fosse magnifico. Ora non ne sono più così sicura. Può essere per via del fatto che la mia pelle è cambiata in seguito ai trattamenti contro l'acne, oppure perché ora vivo dove il clima è più freddo e secco, dunque la mia pelle non è più così grassa. In ogni caso non lo vedo più il buon fondotinta di una volta. 

Ovviamente, se voi non avete problemi di brufoli, potete star certe che questo fondotinta vi farà sembrare una bambola di porcellana e penso sia da provare se lo trovate in offerta.
In generale, ancora mi sento di avere opinioni miste a riguardo, forse perché credo che sia un prodotto con cui avere una relazione di amore e odio. Vi terrò aggiornate sulla pagina Facebook. Nel frattempo, mi piacerebbe sapere le vostre opinioni a riguardo, se avete provato Eau de Teint.

***EDIT: SE AVETE UNA PELLE ACNEICA VI SUGGERISCO DI NON USARE QUESTO FONDOTINTA. POCHI GIORNI DOPO AVER POSTATO QUESTA RECENSIONE, PER VIA DELL'USO CONTINUATIVO, HO AVUTO UN ORRIBILE E DOLOROSO SFOGO***



Let me know your thoughts in the comments below. 

What is your favorite foundation by L'Oréal?
What foundation would you recommend for acne-prone skins?

Fatemi sapere il vostro parere nei commenti. 

Qual è il vostro fondotinta preferito di L'Oréal?
Quale fondotinta raccomandereste per una pelle acneica?

Saturday, February 8, 2014

Review and swatches: Rimmel Apocalips 304 Eclipse

After a long hiatus, here I am with a new post. Bear with me, moving to another country without the help of the Erasmus project ain't easy.

So today I want to bring to your attention a drugstore gem I discovered before moving to France, and that has become one of my favorite lip products of all time. I am talking about one of the Apocalips lip laquers by Rimmel, namely no. 304 - Eclipse. 


Dopo una lunga pausa, eccomi di ritorno con un nuovo post. Abbiate pazienza, trasferirsi all'estero senza l'aiuto del progetto Erasmus non è per niente facile. 

Oggi vi voglio parlare di una perla low cost che potete trovare anche al supermercato. L'ho scoperta prima di trasferirmi in Francia e da allora è diventata uno dei miei prodotti labbra preferiti. Sto parlando di uno degli Apocalips di Rimmel, e più precisamente il numero 304 - Eclipse. 

Why are Apocalips different from other liquid lipsticks? They don't dry your lips, they are glossy but not sticky at all, the texture is creamy and soft, the pigmentation is extraordinarily rich, and finally they are really long-lasting even if you drink or smoke. 

To be honest, I prefer them to the YSL lip stains, which can feel a little bit drying and which do not have the same pigmentation, nor the same longevity. Also, the price tag on the Apocalips by Rimmel makes them much more appealing: they are 10.60 € in Italy. 

The shade 304 is a perfect burgundy color, as you can see from the picture below, which displays a very realistic swatch on my lips. 


Perché gli Apocalips sono diversi dagli altri rossetti liquidi? Non seccano le labbra, sono lucidi, ma non appiccicosi, la texture è cremosa e delicata, la pigmentazione è straordinariamente alta, e infine sono davvero molto duraturi anche se si beve o si fuma. 

Ad essere sincera, li preferisco ai lip stain di YSL, che possono seccare un po' le labbra e che non hanno la stessa pigmentazione, né la stessa longevità. Inoltre, il prezzo degli Apocalips di Rimmel li rende decisamente più appetibili: € 10.60 è il prezzo consigliato. 

Il numero 304 è un borgogna perfetto, come potete vedere dalla foto sottostante, che ne ritrae piuttosto fedelmente il colore sulle mie labbra. 

The picture was edited in order to make a realistic swatch// La foto è stata ritoccata per avere uno swatch fedele

So have you ever tried the Apocalips lip laquer by Rimmel? What are your thoughts about them? What are your favorite shades?

Avete mai provato gli Apocalips di Rimmel? Cosa ne pensate? 
Quali sono i vostri colori preferiti?

Tuesday, December 3, 2013

MAC Brush Cleanser review

There aren't many things to say about a brush cleanser: either it cleanse or not. 
The MAC brush cleanser is definitely one that does its job. I use it for quick rinses to my brushes, or for a more in-depth weekly cleaning, when I haven't been putting heavy make-up during the week. 
So why do I feel the need to review this item? Basically because I find that this is one of those products that is worth a splurge. 
Prior to the MAC brush cleanser, I had only tried the KIKO one, which is utter crap not an amazing product that retails for 6 € for 50 ml, while this costs 13 €  for 235 ml. If a quick maths game hasn't convinced you yet, just know that I have been having mine for 2 years now, and I've only recently hit half of the bottle. 
Do you get my drift now? 

Don't waste your money on something cheap, just because you think it is. Going for the cheap KIKO cleanser just means you will use more product each session, and will not achieve the same results. What's more you will need to buy the product more often. 
The MAC one offers good cleansing, you don't need much, and will have a lot more product in the packaging.

The only downside of this cleanser is the packaging that does not come with a spritzer. We don't care, though. There are loads of empty spritzer in stores now. 


Non ci son molte cose da dire su un detergente per pennelli: o pulisce o no. 
Il detergente di MAC è decisamente uno di quei prodotti che puliscono sul serio. Io lo uso per risciacqui veloci ai pennelli o per una pulizia settimanale più profonda, le volte in cui per tutta la settimana mi son truccata molto leggermente (sempre più spesso ora). 
E allora perché recensire un simile prodotto? Più che altro perché penso che sia una di quelle cose su cui vale spendere un pochino di più. 
Prima del detergente MAC ho provato solo quello KIKO, che è proprio una cagata un prodotto mediocre che costa 6 € e contiene 50 ml, mentre quello MAC ne costa 13 per 235 ml. Se il breve excursus nel mondo dell'aritmetica non vi ha convinte ancora, tenete in considerazione che io l'ho comprato 2 anni fa e che solo di recente ho raggiunto la metà della bottiglia.
Avete capito cosa voglio dire ora? 

Non sprecate i vostri soldi in qualcosa di economico solo perché pensate lo sia. Prendendo il detergente KIKO implicherà solo l'utilizzo di una maggiore quantità di prodotto ogni volta e non avrà comunque mai lo stesso risultato. Inoltre toccherà ricomprare il prodotto più spesso. 
Il detergente MAC pulisce bene, non occorre utilizzarne tanto, e in in termini quantitativi contiene molto più prodotto

L'unica nota negativa di questo detergente è la confezione, che non ha la pompetta spray. Ma noi ce ne freghiamo, visto che ormai vendono gli spruzzini vuoti. 


Have you ever tried the MAC cleanser or the KIKO one?
What is your favorite brush cleanser?

Avete mai provato il detergente per pennelli MAC o quello di KIKO?
Qual è il vostro detergente per pennelli preferito?